Giovedì, 31 Ottobre 2013 00:00

La memoria corre sul fiume

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)

La memoria corre sul fiume: incontro a Giovi sulla cultura locale

lamemoriacorresulfiume-2013Il Centro di Educazione Ambientale del Comune di Arezzo organizza un incontro con la collaborazione del Centro di Aggregazione Sociale di Giovi e della Scuola primaria “P.T. Caporali” per illustrare il lavoro svolto negli ultimi due anni all’interno del progetto della Zona sociosanitaria aretina “Ecologia a scuola e nel territorio”. Al progetto, incentrato sulla riscoperta di percorsi a piedi lungo l’Arno e sulla ricostruzione della memoria locale, hanno contribuito anche i ragazzi della scuola di Giovi e di altre scuole primarie.

Il progetto, coordinato da Legambiente, ha visto la partecipazione di numerose associazioni.

L’incontro – il primo di una serie che si svolgerà in gennaio-febbraio e che interesserà le altre frazioni coinvolte nel progetto – si svolgerà venerdì 13 dicembre dalle 18 alle 19,30 presso la sede del CAS di Giovi. La cittadinanza è invitata a partecipare. Al termine verrà offerto un aperitivo.

Sarà una specie di “veglia”, dove grandi e piccini si riuniranno per ascoltare i racconti e le storie sul loro paese: per esempio la leggenda del Mulinaccio, raccontata da Pier Giovanni Lumachi, appassionato di storia locale.

Sarà un’occasione per presentare la pubblicazione “La memoria corre sul fiume”, che contiene le proposte di passeggiate nei territori di Arezzo e Capolona (da Giovi a Pieve a Sietina, ma anche a Castelluccio, Ponte Buriano, Monte Sopra Rondine) e per raccogliere altre testimonianze sulla memoria locale.

“Un’iniziativa esemplare – dichiara Barbara Bennati, Assessore al Coordinamento dei Centri di Aggregazione Sociale del Comune di Arezzo – e che spero possa essere contagiosa e di esempio anche per gli altri CAS convenzionati con il Comune di Arezzo. Tutti e 21 rappresentano infatti un patrimonio importante che l’amministrazione deve supportare, per aprirlo anche alle giovani generazioni che possono trovare in queste strutture spazi e opportunità per realizzare progetti o semplicemente socializzare”.

Letto 464 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti